In evidenza

Covid-19, report di domenica 4 ottobre: nel Riminese la situazione si fa più critica con 37 nuovi casi positivi

Covid-19Covid-19

Covid-19, l’aggiornamento: su oltre 7mila tamponi 179 nuovi positivi, di cui 96 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. Le persone guarite salgono a 26.482 (+14), stabili i ricoveri in terapia intensiva. Un nuovo decesso.

Età media dei nuovi casi: 43 anni

Effettuati anche 2.072 mila test sierologici. L’età media dei nuovi casi è di 43 anni. Al momento del tampone, 51 le persone già in isolamento; 17 i rientri dall’estero

Quasi 36mila positivi dall’inizio dell’epidemia

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna sono stati registrati 35.992 casi di positività179 in più rispetto a ieri, di cui 96 asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: sul totale dei nuovi casi, 51 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 90 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti.

Contagi per rientri dall’estero

Sono 17 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 5.

Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Rimini (37), Piacenza (35), Bologna (32), Reggio Emilia (17), Modena (11) e a Forlì (20)

Rimini, 37 casi: il dato più alto in regione

A Rimini e provincia si registrano 37 nuovi casi, di cui 16 asintomatici. 36 sono in isolamento domiciliare e 1 ricoverato. In particolare, 22 sono contatti di casi già noti, di cui la maggior parte in ambito famigliare (2 pazienti sono rientrati dall’Umbria), 2 casi emersi per ricovero ospedaliero dovuto ad altra patologia, 5 casi emersi per sintomi, 3 per screening professionali e 5 casi rilevati a seguito di rientro dall’estero (2 Albania, Grecia, Spagna e Romania).