Il nuovo Prefetto della provincia di Rimini in visita a San Clemente: il messaggio della Sindaca Mirna Cecchini

Forlenza-CecchiniLa Sindaca Cecchini consegna al Prefetto di Rimini. dottor Forlenza, un piccolo omaggio in ricordo della visita

Il nuovo Prefetto della provincia di Rimini, Giuseppe Forlenza, ha fatto visita questa mattina (venerdì 25 settembre) al Comune di San Clemente. La visita si è svolta dopo un primo incontro con i rappresentanti di un’importante realtà agroalimentare.

Il messaggio di benvenuto

Questo il messaggio di benvenuto che la Sindaca, Mirna Cecchini, ha rivolto al dottor Forlenza durante la cerimonia svoltasi in Municipio.

***

A nome del Comune di San Clemente porgo il mio personale benvenuto al Prefetto della provincia di Rimini, dottor Giuseppe Forlenza.

È con autentica emozione che mi rivolgo a lei, Signor Prefetto, e a voi, gentili ospiti e consiglieri. 

L’emergenza Covid-19 lasciata alle spalle

Ci siamo lasciati alle spalle la fase più critica e aspra di un’emergenza sanitaria che ha duramente colpito, al pari di tante altre, la nostra comunità. È stata per tutti noi una prova estremamente impegnativa e dai contorni inconsueti. Ma non ci siamo mai arresi. 

Abbiamo fatto appello a tutte le risorse di cui disponevamo; in termini di forze fisiche, volontariato, aiuti economici. 

Aiuto costante alle famiglie in difficoltà

E ponendo sempre in primo piano il bene collettivo e soprattutto sostenendo, con la massima attenzione, i cittadini e le molte famiglie in difficoltà. Ora anche San Clemente prova a ripartire. 

Ripartire dalla scuola, la cui ripresa delle lezioni in presenza è un grande segnale di speranza per il futuro. 

Ripartire, senza ignorare i tanti problemi denunciati a livello occupazionale e di riposizionamento sul mercato, dalle attività, piccole, medie e grandi, sulle quali si sentirà ancora a lungo il peso del Covid-19. 

Ripartire con la consapevolezza del dover accettare nuove sfide all’interno di un contesto sociale fortemente mutato.

San Clemente ora riparte

San Clemente, la cui popolazione ad oggi sfiora i 6.000 abitanti – perlopiù giovani famiglie – ha saputo innestare su un tessuto generazionale largamente votato all’agricoltura, una crescente propensione a differenziare il modello d’impresa. 

Agricoltura e segmento industriale

Così da assistere all’insediamento di numerose aziende operanti – alcune leader del proprio segmento industriale – nella meccanica di precisione, nel settore metalmeccanico, ceramico, nella ricerca e innovazione tecnologica, nell’agroalimentare, nell’enologia. 

Ciò a testimonianza di una vitalità in grado di contribuire in modo efficace allo sviluppo dell’area a sud di Rimini.  

Innovazione e riferimento alle proprie radici

Innovare non significa dimenticare le proprie radici. San Clemente, infatti, è ormai riconosciuta come la Capitale dell’enogastronomia dell’intera Valle del Conca. E ciò anche in virtù di una plurisecolare vocazione vitivinicola espressa, le fonti d’archivio non mancano, da cantine di pregio e singoli produttori.

Il paese nella storia

Pure la storia recente – la vicinanza alla Linea Gotica Orientale durante la Seconda Guerra Mondiale – e in particolare la storia antica, hanno lasciato tracce apprezzabili del cammino compiuto da San Clemente attraverso le varie epoche. 

Inserito, a pieno titolo, nel circuito dei borghi appartenuti alla famiglia dei Malatesta conserva tutt’attorno al centro storico – la piazza principale è tra gli esempi di piazza chiusa tra i più suggestivi in Romagna – le mura poste a difesa del Castello.

Sempre al fianco delle Istituzioni

Credo, seppur in breve, di aver tratteggiato un’idea di San Clemente, tra passato e presente, sufficiente a far comprendere il valore di una realtà estremamente fluida, dinamica, pronta a guardare avanti mantenendo un saldo riferimento alle origini. 

Nel rinnovare a lei Signor Prefetto i ringraziamenti per la sua visita qui, oggi, nel nostro Comune, rinnovo altresì l’intendimento alla piena e totale collaborazione. Collaborazione che il mio ruolo di Sindaca prevede nel confrontarsi ogni giorno con i rappresentanti del Governo centrale e delle istituzioni.

Fonte: pagina Facebook Comune di San Clemente